Vendita e Coltivazione Iris

VENDITA BULBI IRIS

.

Iris

.

Iris. Iridaceae

Il genere Iris, il cui termine deriva dalla dea greca dell’arcobaleno ed infatti rispecchia l’infinita gamma di colori e sfumature che i fiori possono presentare, unisce circa duecento specie della Famiglia delle Iridaceae. Sono piante erbacee perenni a foglie strette e più o meno allungate e con fiori, per quanto diversi nelle diverse specie, con tre tepali verso l’alto e altri tre curvati verso il basso, alcune volte anche con colori diversi tra quelli alti e quelli bassi. Sono perenni e rustici, fioriscono e stupiscono facilmente, per la loro forma e i loro colori; non per niente venivano anche chiamati ‘Le orchidee dei poveri’.

In floricoltura si suddividono generalmente in Iris bulbosi e rizomatosi. I primi comprendono il Gruppo degli Xiphium, il Gruppo dei Reticulata e quello degli Junos; i secondi invece uniscono gli iris barbati, non barbati e crestati.

Tra i bulbosi troviamo: I.foetidissima, sempreverde, presente anche allo stato spontaneo, per il sottobosco o sotto grandi alberi; I.germanica, chiamato anche ‘giaggiolo’ o ‘spadone’ è coltivato al sole ed può avere mille colori; I.pseudacorus, che troviamo in zone paludose o lungo i fossati dei campi, a fiori gialli non molto appariscenti e foglie slanciate.

.

Informazioni in pillole:

.

FORMAZIONE SOTTERRANEA: bulbo o rizoma

DISTANZA tra le piante: 15-30cm

PROFONDITA’ di piantagione: qualche centimetro. I rizomatosi sotterrarli appena: le radici affondano nel terreno ma il rizoma rimane in superficie

ALTEZZA piante: da 15 a 60\90 cm

PERIODO PIANTAGIONE: primo autunno

PERIODO FIORITURA: primavera-inizio estate; I.unguicularis: autunno-primavera

ESPOSIZIONE: sole o mezz’ombra (I.unguicularis, I.siribica)

TERRENO IDEALE: ben drenato o sabbioso, o umido (I.unguicularis, I.siribica); da neutro ad alcalino

VASO: le nuove varietà mini si possono coltivare anche in vaso

PROFUMO: alcuni sì, come l’I.pallida

COLORI: quasi qualsiasi colore e sfumatura

RESISTENZA AL FREDDO: buona, è una pianta rustica

MOLTIPLICAZIONE: per seme, bulbilli o divisione dei rizomi (quest’ultima molto semplice)

DA RECIDERE: sì. Dipende sempre dalla varietà, alcune sono più portate, come l’I.xiphioides e I.xiphium detto anche I.hispanica.

.

Consigli di coltivazione e piantagione degli Iris rizomatosi

.

La coltivazione degli Iris non è difficile.

Quelli dotati di bulbo piantarli in autunno a qualche cm di profondità.

Per gli altri, piantare i rizomi in autunno o all’inizio della primavera. Arricchire la terra con del concime maturo circa un mese prima della messa a dimora poiché le radici sono delicate. Piantali a circa 30 cm di distanza appena sopra il livello della terra. Se sono piante che derivano da un trapianto, tagliare le foglie lasciandone circa una quindicina di cm. Annaffiare bene per favorire l’attecchimento, utilizzare in autunno fertilizzanti con fosfato. La divisione dei cespi avviene in autunno, dopo l’ingiallimento delle foglie. Attenzione a lumache e chiocciole che possono azzerare gli steli e distruggervi la fioritura imminente. Se le foglie, soprattutto a fine estate, presentano delle macchie marroni, eliminarle, e se ciò persiste, agire con un apposito fungicida.

.

I.pallida

Sono Iris adatti per fiori recisi, raggiungono i 60-90 cm. La varietà ha moltissimi diversi colori e un fusto porta almeno sei fiori, di solito delicatamente profumati. Fioriscono da inizio a metà estate. Prediligono un terreno ben drenato, magari leggermente calcareo e il sole pieno. Interrare per metà (in lunghezza) i rizomi in modo che fuoriescano superiormente dal terreno tra fine estate e inizio autunno. I cespi si possono dividere ogni 3-4 anni con un coltello affilato e disinfettato e ripiantando poi le parti più nuove. Annaffiare bene nelle settimane successive al trapianto.

.

I.foetidissima

Già dal nome si evince la sua caratteristica che colpisce anche l’olfatto: l’odore sgradevole che emana se annusato. I fiori in realtà sono molto belli ed anche i semi, lucidi, scarlatti o gialli che vengono esposti dai baccelli autunnali aperti. Richiedono un terreno abbastanza umido, in mezz’ombra, e raggiungono i 50 cm. Piantarli tra inizio estate e fine autunno. Si possono moltiplicare per divisione dei cespi o per semina in autunno.

.

I.reticulata

Questi iris hanno la particolarità di fiorire tra fine inverno e inizio primavera. Di taglia piccola, i loro colori sono vivaci e molto vari a seconda della varietà, come i più comuni blu e violetto con strisce gialle. Ripiantarli a circa 15-22 cm di profondità al sole in terreno ben drenato. Fertilizzare con potassio a fine fioritura per un paio di settimane.

.

I.pseudacorus

Detti ‘spadoni’, sono molto comuni nei luoghi umidi. Raggiungono i 60-150 cm e i fiori gialli eretti compaiono a fine primavera circondati da foglie spadiformi. Sole\mezz’ombra, terreno umido o direttamente in acqua (30-40cm). Piantarli in autunno o primavera e dividerli ogni 3\4 anni.

.

VENDITA BULBI IRIS

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Se vuoi, puoi commentare questo articolo...